mouse up

Giovedì, 20 Ottobre 2016 12:21 Scritto da Fröcsi

Com’è la caccia in Ungheria?

Vota questo articolo
(1 Vota)

Prima di entrare nel vivo dell’argomento ed immergermi nelle concrete esperienze di caccia vorrei parlare un po’ dell’Ungheria, delle battute di caccia, dei cacciatori, delle tradizioni e delle abitudini nostrane. Questo articolo del blog sarebbe una specie di corso rapido e dopo averlo letto ti troverai più a tuo agio in questo meraviglioso contesto e conoscerai alcune cose che forse finora non hai incontrato altrove.

Certo, se vieni a caccia in Ungheria da anni dovresti ben sapere tutto ciò, tuttavia è bene se mi segui come un segugio, ti immergi nella nostalgia e annusi un po’ di nuovo questo mondo speciale… Se ti viene voglia e sei spinto dall’istinto della caccia, non esitare a farti vivo con il mio padrone il più presto possibile, così possiamo incontrarci ancora nella stagione autunnale.

A proposito di autunno… da noi si presenta più o meno così... tanto per farti battere il cuore, giusto per iniziare.

 

 

La caccia in Ungheria nel periodo autunnale è qualcosa di meraviglioso; non fa più troppo caldo, le mattine e le sere sono abbastanza fresche ma nel resto della giornata l’aria è particolarmente gradevole, la natura è stupefacente e magnifica. È uno dei miei periodi preferiti, anche perché è tempo della caccia al cervo, al daino e alla piccola selvaggina. Tuffiamoci, quindi, nella natura che risplende di mille colori, per non parlare dei profumi fantastici…che voi, umani, purtroppo non siete in grado di sentire bene.

In queste occasioni la giornata inizia già all’alba, il riunirsi prima della caccia è sempre pieno d’entusiasmo, i cacciatori si salutano ad alta voce, segue una breve istruzione e si parte… mi vengono i brividi solo a pensarci.

Sebbene chi venga a caccia in Ungheria passa fondamentalmente delle giornate allegre e piene di buon umore, esistono alcune regole vincolanti per ogni cacciatore educato, anche se per il rispetto di tali regole non si danno né premi né punizioni per il mancato rispetto. So che non è più un’espressione alla moda ma siccome i cacciatori ungheresi rispettano le tradizioni, l’etica venatoria è tuttora importante per loro.

Comincio dall’inizio: rito d’iniziazione… La prima presa non comporta soltanto gioia, lodi e congratulazioni degli amici ma ad essa è legata anche una cerimonia un po’ spiacevole: il cacciatore viene bastonato sul sedere…Più o meno così…

 

 

Sinceramente non comprendo bene il perché, per fortuna tale rito non si applica ai cani da caccia.

Se visiterai l’Ungheria come cacciatore „debuttante” e adesso ti senti un po’ smarrito, lasciati rallegrare: dopo la faticosa caccia segue di solito un delizioso banchetto; tempo permettendo molte volte all’aperto. Mi viene l’acquolina in bocca solo a pensarci… Attenzione, devi sapere una cosa: i piatti ungheresi, la selvaggina, le spezie ed i dolci sono estremamente pericolosi, una volta assaggiati ti conquistano per sempre… Ti ho avvertito!

 

 

Riguardo all’uso delle armi non servono istruzioni, ne sono sicuro. Il fucile di caccia non è un gioco, oltre all’allegria pretende serietà. Se lo prendi in mano, dimentica la borraccia … almeno fino a cena! Regola base: è permesso sparare soltanto se nel mirino c’è senza ombra di dubbio l’animale – e non altro! - per cui la caccia è consentita.

In Ungheria nel corso della caccia di solito si usa il corno da caccia. I differenti segnali hanno un loro significato, ma finora non sono riuscito a capire come bisogna comportarsi sentendoli. In questi casi guardo sempre il mio padrone e mi sento completamente in imbarazzo. Ciononostante, se ti è possibile, imparali… se no, afferra il tuo cellulare e via con le domande… (Non sono stato io a suggerirti l’idea!)

L’articolo è diventato un po’ lungo e non ho neanche menzionato molte altre cose da sapere… Comunque, se non è oggi, allora è domani; continua a seguirmi, prima o poi parleremo di tutto. E non dimenticare: la pratica fa il maestro. Ti aspettiamo con affetto alle nostre battute di caccia! Guarda le nostre attuali offerte e non esitare neanche un minuto, aspettiamo la tua richiesta.

Letto 917 volte
sp-module-title
sp-module-title

Debutto

József Balogh

sp-module-title
fagiani
Josef Balogh
acquatici
muflone
cervo

logo

H-2053 Herceghalom
Gesztenyés út 11.
Tel.: +36 23 319 041
Fax: +36 23 319 440 
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
www.naturhun.eu
Numero di registrazione: U-000498
Partite IVA comunitarie: 13221388
Dichiarazione di tutela dati

 

Dove si comincia la caccia...

© 2000 - 2019 Naturhun | Copyright

 

Questo sito utilizza cookie. Per maggior informazioni vai alla sezione Privacy.
Sezione Privacy Accetto